Annunci di Accordi possibili Nazionali e contro Repliche. Ormai in Umbria sembrano elezioni Nazionali più che Regionali. In Realtà si Elegge il Presidente della Regione: la Nostra Coalizione è l’Unica solo Civica con Proposte Chiare e Ufficiali da Maggio.

Perugia, 15 Settembre 2019. Osservo, dopo annunci di possibili accordi e conseguenti repliche, molta agitazione, nazionale, per le sorti dell’Umbria. Non entro nelle “dicotomie” difficili anche da sintetizzare.
Vedo, sentendo i commenti delle persone “in piazza” anche sui Social Network, che molti sono “disorientati” perché si parla poco dei problemi dell’Umbria e sembra, ormai, una elezione nazionale mentre, invece, si elegge il Presidente della Giunta e il Consiglio Regionale dell’Umbria.
Soprattutto ora siamo convinti che aver puntato su chiarezza (una reale coalizione solo di tre liste civiche: Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria), competenza (per aver già fatto, in passato, e promosso 30 incontri di formazione tematica per candidati) e contenuti (500 proposte per l’Umbria in 5 linee guida: amministrare bene, sviluppare lavoro, muoversi veloce, innovare ambiente e curare umanizzando) orienterà il voto degli umbri soltanto per l’Umbria. La sensazione (anche dai sondaggi) è che si voterà molto, per il candidato presidente e i candidati consiglieri, ben oltre le strategie nazionali.
Claudio Ricci

Fra 15 Giorni Presentazione delle Liste in Umbria. Molte Incertezze e una Chiarezza: la “Coalizione Civica” Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria. Programma Definito e Tre Liste Chiuse: 60 i Candidati. Sarà come Votare il ”Sindaco dell’Umbria”.

Perugia, 14 Settembre 2019. 15 giorni alla presentazione delle liste. In Umbria le certezze sono poche: fra queste la coalizione civica Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria. Vele, grandi manifesti e promozione da mesi. Programma definito (500 proposte, visionabili nel Sito www.claudioricci.info, in 5 linee guida: amministrare bene, sviluppare lavoro, muoversi veloce, innovare l’ambiente e curare umanizzando) e tre liste di candidati (60 in totale) già chiuse, in atto la raccolta delle firme.
Chiarezza, competenza e contenuti. Queste le parole chiave per cambiare con la capacità di fare e la libertà di scegliere il merito e il meglio per la Regione.
In Umbria si voterà il presidente (con il Consiglio Regionale) e non l’anticipo delle prossime rivincite politiche nazionali. Noi per la nuova Umbria possiamo arrivare al governo della Regione: le persone ci dimostrano vicinanza (nei sondaggi ci danno fiducia il 63% degli intervistati) e più che di strategie politiche parliamo solo di proposte concrete per la Regione.
Il 27 ottobre prevediamo un risultato molto diverso dagli scenari politici nazionali: sarà come votare per il “Sindaco dell’Umbria”. In fondo siamo una “città Regione” con 900.000 residenti: una piccola media città europea.
Claudio Ricci
(Candidato Presidente).

Elezioni Regionali Umbria 2019, Coalizione Civica Ricci Presidente, Italia Civica, Proposta Umbria: “In Via di Definizione i 60 Candidati nelle Tre Liste”. Dalla Prossima Settimana la Raccolta delle Firme.

Perugia, 31 Agosto 2019. Ormai definite le tre liste della coalizione Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria (Foto, oggi al Park Hotel). 60 Candidate e Candidati, di ampia qualità, che hanno compiuto un percorso di formazione, tematica e gestionale, per oltre quattro anni (oltre 30 incontri regionali). Capacità di fare e libertà di scegliere il merito per l’Umbria: questo il vero cambiamento.
Organizzazione già pronta (anche a settembre, come in agosto, promozione e grandi manifesti), campagne elettorali dei singoli candidati in attivazione, già molti incontri svolti, e programmati, nel territorio, chiarezza nei programmi, pubblicati da tempo, sul Sito www.claudioricci.info.
Sintesi degli obiettivi: capacità di fare, sviluppare lavoro, spostarsi veloce, innovare l’ambiente e curare umanizzando.
Sondaggi (Scenari Politici WinPoll) e riscontri molto incoraggianti: indice di fiducia sul candidato presidente al 63% che dovrebbe ampliare la propensione al voto sulle liste (già al 22%) e orientare gli incerti (33%). La Giunta Regionale, è stato citato oggi, sarà di alto profilo gestionale e in grado di dare uno slancio, sin da subito, all’immagine dell’Umbria per attrarre opportunità e investimenti economici.
Presentazione delle liste in tempi brevi e dalla prossima settimana la raccolta delle firme perché gli umbri devono avere, per tempo, chiarezza per scegliere il meglio per il loro futuro.

Elezioni Regionali Umbria, Coalizione Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria: da Maggio è Pubblico il Programma e le Tre Liste con i Grandi Manifesti. Ad Agosto i Nomi dei Candidati Consiglieri. Capacità di Fare, Merito e Chiarezza d’Intenti.

Perugia, 28 Agosto 2019. Sessanta giorni dalle elezioni regionali. Devo ringraziare i tanti della coalizione civica Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria che (dopo lungo cammino dal 2012) negli ultimi quattro anni hanno promosso 30 incontri regionali partecipativi (200 persone ad evento), tematici e di formazione tecnico amministrativa, con cui è stata definito un programma in 500 proposte, visibili su www.claudioricci.info, e 5 linee guida: amministrare bene, sviluppare lavoro, muoversi veloce, innovare l’ambiente e curare umanizzando. Obiettivo: cambiare con la capacità di fare e la libertà di scegliere merito/meglio per l’Umbria.
Soprattutto molta chiarezza: dall’11 maggio l’avvio della comunicazione e, con ampio anticipo, i grandi manifesti con le tre liste. A fine mese l’elenco dei candidati consiglieri nelle tre liste (che stiamo definendo in queste ultime giornate).
Siamo per tutti gli umbri e ci siamo organizzati in anticipo per dare ai cittadini, con questo metodo, una ampia possibilità di valutarci, per tempo, e di apprezzare (ci auguriamo) chiarezza di intenti “per fare” oltre i “dinamismi politici” in molti ambiti regionali e nazionali.
Claudio Ricci.

Elezioni Regionali Umbria, Coalizione Ricci Presidente, Italia Civica, Proposta Umbria: Tre Riunioni, nella Giornata Odierna, per la Definizione dei 60 Candidati Consiglieri Regionali. Entro Agosto le Tre Liste Pronte.

Perugia, 24 Agosto 2019. Si sono svolti, durante la giornata di oggi, dalle 10 sino alle ore 19 (in Perugia Park Hotel), tre incontri (tutti molto partecipati) organizzati rispettivamente delle liste Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria con il fine di definire (entro agosto) i candidati consiglieri per le prossime elezioni del 27 ottobre 2019.
Saranno in totale, nelle tre liste, 60 donne e uomini che rappresentano molti ambiti territoriali e dei differenti settori socio economici, culturali e professionali della società umbra.
Tutti, candidate e candidati, di ampia qualità che hanno partecipato agli oltre 30 incontri regionali tematici e di formazione (con oltre 200 partecipanti ad evento) portando un prezioso contributo alla stesura delle 500 proposte per l’Umbria sintetizzate in 5 linee guida: amministrare bene, sviluppare lavoro, muoversi veloce, innovare l’ambiente e curare umanizzando. Persone che rappresentano un autentico spirito civico e civile per cambiare ma con la capacità di fare e la libertà di scegliere il merito e il meglio per l’Umbria. Un doveroso, molto grande, ringraziamento a tutti per l’impegno e la dedizione.
Claudio Ricci
(candidato presidente della Regione Umbria).

Elezioni Regionali Umbria, Sondaggio Scenari Politici Winpoll: Fiducia su Ricci Presidente 63%. Le Liste Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria al 22%. Gli Incerti al 33%. La “Corsa” sarà fra 3 Candidati Presidenti (fra cui Ricci).

Perugia, 22 Agosto 2019. Si è svolto (17/19 Agosto) un sondaggio (Scenari Politici WinPoll), su un campione statistico di 400 interviste telefoniche (come da norma e metodo Cati – Cami), sulle elezioni in Umbria (del 27 ottobre 2019), riferito a Claudio Ricci candidato presidente sostenuto da una coalizione civica con le liste: Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria.
Per quanto attiene alla “fiducia (molta/abbastanza) sul candidato presidente Ricci” (dato fondamentale visto che si vota per il presidente) siamo ad oltre il 63%, una percentuale molto ampia che, di solito, orienta una parte significante di elettori e soprattutto gli “incerti”: sono, ora, il 33%.
Il candidato presidente Ricci ottiene, sul “grado di fiducia”, un consenso “trasversale” (sia nei vari segmenti di elettorato che nei diversi territori) con punte di attenzione dalle donne (65%) e un buona valutazione anche fra i giovani sotto i 30 anni (61%).
La propensione al voto (“intenzione di voto”), sulle tre liste civiche della coalizione Ricci, è valutata al 22% ma con “ampi margini di crescita” visto che molti (e gli incerti) votano “solo il candidato presidente” (le legge elettorale non consente il voto al presidente e, in modo disgiunto, ad una diversa coalizione).
Rispetto alle elezioni europee 2019 emerge, per il voto Regionale in Umbria, un quadro molto differente (come prevedibile a livello locale, elezioni comunali e regionali, si vota la persona) e una “chiara competizione” ristretta a “tre candidati presidenti” (fra cui Ricci). Il sondaggio mette in evidenza che, per il 40% degli umbri, la “qualità della vita” in Umbria è peggiorata negli ultimi 10 anni (durante le due più recenti legislature dal 2010 ad oggi).
(Coalizione civica: Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria).

Elezioni in Umbria, Domani sarà Diffuso il Sondaggio (Scenari Politici – WinPoll) sulla Coalizione Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria. Intenzioni di Voto “Rimodulano” i Risultati Europee 2019.

Perugia, 21 Agosto 2019. Nel pomeriggio di domani sarà pubblicato il sondaggio (svolto da Scenari Politici – Winpoll, 400 interviste telefoniche, metodo Cati Cami) sulla coalizione Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria.
Sono state esplorate la “fiducia sul candidato presidente Ricci”, gli “incerti”, la “propensione al voto” (intenzioni di voto) sulla coalizione civica Ricci (rispetto alle altre “possibili offerte politiche”) e anche (fra gli altri parametri) come percepiscono, gli umbri, la “qualità della vita attuale” rispetto a dieci anni fa (ultime due legislature).
Pur dando ai sondaggi un ”valore relativo” (utile a modulare tattica, strategia e organizzazione della campagna elettorale) emerge, come dato, una “rimodulazione delle tendenze politiche”, rispetto alle elezioni nazionali ed europee, “correlate” ai candidati presidenti come spesso avviene alle elezioni comunali e regionali.
(Coalizione Ricci Presidente, Italia Civica, Proposta Umbria).

Elezioni Regionali Umbria, Incertezza anche Nazionale. Riferimento “Buon Governo” Capacità di Fare e Merito: Coalizione Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria. 24 Agosto (Perugia, Park Hotel, dalle 10 e Intero Giorno) Definizione 3 Liste.

Perugia, 20 Agosto 2019. Elezioni Regionali in Umbria; il 27 ottobre è vicino, l’incertezza ampia e si somma a quella nazionale (che, oggi, è destinata ad aumentare). Dal gennaio 2018 (con la campagna elettorale iniziata già nel maggio 2019) un punto di riferimento, “per tutti gli umbri”: nella scheda elettorale troveranno (dalle 7 alle 23) la coalizione Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria. Capacità di fare, formazione (30 incontri svolti, molto frequentati, tematici) e proposte (500, visionabili su www.claudioricci.info) con la libertà di scegliere merito e meglio. Persone di ampia qualità ma tutti “volti nuovi” per un reale impegno civico civile. Un cambiamento “non solo a parole” (o scritto nelle promozioni elettorali).
Sabato 24 agosto incontri operativi con le tre liste di candidati (Perugia, Park Hotel: primo gruppo ore 10, secondo ore 11.30 e terzo ore 15.30). Il 31 agosto la definizione delle liste e poi inizia la raccolta delle firme. Il 19 settembre conviviale (Hotel Villa Verde, Rivotorto d’Assisi, ore 20), il 12 ottobre corso di formazione dei rappresentati di lista (nei seggi elettorali) e il 19 ottobre evento conclusivo della campagna elettorale (una settimana prima del voto per passare gli ultimi giorni solo nei territori parlando con le persone).
Dal 28 ottobre subito al lavoro per il “buon governo” dell’Umbria (Foto, allegoria del buono e del cattivo Governo, Ambrogio Lorenzetti, Palazzo Pubblico di Siena, 1338 – Immagini già pubblicate su Internet).

Incertezza, a Due Mesi dal Voto in Umbria, è la Sintesi. Noi Per la Nuova Umbria (Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria) “Siamo per Tutti gli Umbri”. Programmi Chiari, per il Merito, la Formazione e Capacità di Fare. Manifesti Affissi da Mesi.

Perugia, 17 Agosto 2019. La grande incertezza quasi in dicotomia con la grande bellezza (citando il famoso film, foto frammenti già pubblicati su Facebook). Questa la parola di sintesi, in Umbria, verso le elezioni regionali. Mancano poco più di due mesi ma le certezze sono poche. Nomi che si alternano, ogni giorno (oggi incluso), incarichi assegnati per i già vincitori (ma sulla base di risultati ipotetici, visto che a livello locale si votano le persone), timidi slanci sui programmi.
Poco cambiamento, anche se tutti se lo intestano (pure nei nuovi marchi nazionali), come la parola “civico” che invece, in Umbria, nasce a Marsciano con la “prima lista civica eletta” (Proposta Marsciano, nel 1995, con Giovanni Marcacci). Chi oggi crede di aver inventato il civico in realtà potrebbe solo citarlo storicamente.
Veniamo indicati come i primi a proporci (con le Liste Ricci Presidente, Italia Civica, Proposta Umbria), dall’inizio del 2018, per queste elezioni regionali. È vero abbiamo scelto la linea della chiarezza nella proposta (500 depositate, www.claudioricci.info), il metodo partecipazione e formazione per la capacità di fare (30 incontri svolti con 150-200 persone ad evento) e la libertà, ben oltre le parti politiche, di scegliere sempre il merito e il meglio.
Da mesi che sono affissi manifesti, con attiva l’ampia comunicazione, per far capire la nostra sintesi: “Noi Per la Nuova Umbria siamo Per Tutti gli Umbri”.

Ricostruzione, in Umbria (Valnerina), dopo il Sisma 2016. I Comitati, che Citano Molti Ritardi, Hanno Ragione ma la Colpa non è delle Soprintendenze. Manca una Legge che Semplifichi, Più Auto Certificazione, Più Risorse Certe e Poteri a Comuni e Regioni.

Perugia, 15 Agosto 2019. I comitati che denunciano la lentezza della ricostruzione in Umbria (sisma 2016) hanno “molta ragione” ma le eccessive lentezze “non sono imputabili alle Soprintendenze”. Grazie al prezioso e professionale lavoro (vorrei definirlo missione), a volte con pochi mezzi, le Soprintendenze hanno avuto, in Umbria e Italia, un fondamentale ruolo per la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale e del paesaggio (la nostra risorsa valoriare ed economica) anche durante le fasi di ricostruzione post sisma (e, su questo, posso testimoniare il grande lavoro che fu svolto nel post sisma 1997 in Umbria e Marche).
La ricostruzione procede lenta per altri motivi a partire dalla mancanza di una legge speciale (con una sezione speciale del codice degli appalti) che semplifichi le procedure, in deroga a tutte le normative, con un maggiore utilizzo dell’auto certificazione e più poteri “locali” a comuni e regioni. Occorrono più risorse certe per cassa (al 2018, dato della ragioneria dello Stato, ci sono disponibili 1.6 Miliardi € rispetto ai 23 necessari per le quattro regioni del centro Italia). Necessitano anche fondi per “accompagnare” la ricostruzione con un PSV Piano di Sviluppo della Valnerina (da fare subito).
Infine inutile “dividersi in polemiche” (soprattutto nella nostra “piccola ma grande” Regione) occorre insieme sollecitare il Governo (di qualunque prospettiva politica sia) affinché ponga una sempre “maggiore attenzione alla ricostruzione post sisma”.
Claudio Ricci.