La Dodecapoli Etrusca da candidare come Sito UNESCO “seriale” italiano.

Perugia, 13 gennaio 2020. La Dodecapoli Etrusca con Arezzo, Cerveteri (già UNESCO), Chiusi, Cere, Cortona, Perugia, Populonia, Roselle, Tarquinia (già UNESCO), Volterra, Veio e Vulci dovrebbe essere, come già auspicato (anche dall’Associazione Radici di Pietra, dal Club UNESCO di Perugia-Gubbio e Alta Umbria nonché dalle Istituzioni Comunali, Provinciali e Regionali), una preminente candidatura “seriale” italiana a Patrimonio Mondiale UNESCO. La proposta fu attivata già nel 2014 (peraltro con Perugia capofila e alcuni incontri svolti) e aveva raccolto prime indicazioni positive dalle istituzioni nazionali “responsabili” sulle tematiche UNESCO. Auspico che, nel prossimo periodo, sia data incisiva propulsione al Dossier (formulario) di candidatura e al Piano di Gestione quali strumenti obbligatori di proposizione (Foto, da Internet: l’Arco Etrusco in Perugia restaurato, con inaugurazione nel 2014, attraverso il contributo dell’azienda di Cachemire Brunello Cucinelli).

Candidatura a Sito UNESCO dei luoghi italiani benedettini nel Medioevo.

Perugia, 13 gennaio 2020. Sono in atto le procedure per la candidatura a Patrimonio Mondiale UNESCO del Sito seriale nazionale (che unisce più luoghi italiani con lo stesso eccezionale valore universale) “Il paesaggio culturale degli insediamenti benedettini nell’Italia medievale”. Ampio plauso e, come già segnalato agli Enti responsabili nazionali (anche, in in particolare, al Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo), auspico l’inserimento dei Siti benedettini di Norcia e della Valnerina (peraltro tale indicazione era stata prospettata in modo positivo). Cito, doverosamente, il mirabile lavoro (con la direzione scientifica di Giustino Farnedi O.S.B.) di Nadia Togni monasteri benedettini in Umbria, alle radici del paesaggio umbro (Foto, la copertina).

Su www.claudioricci.info 5 articoli con titolo Armonie.

Perugia, 7 gennaio 2020. Sul sito www.claudioricci.info (“pubblicazioni”) sono disponibili cinque riflessioni (aggregate dal titolo “armonie”) sul paesaggio culturale, l’accoglienza turistica e le energie creative (foto, Luca Pacioli, De Divina Proportione, fonte Internet).‬ Buona lettura.

Epifania 2020: non è la Befana ma i Re Magi che riconoscono Gesù.

Epifania, 6 gennaio 2020. Non è la festa della Befana sulla quale potremmo, a lungo, riflettere sull’origine di questa diffusa “tradizione” socio culturale. Il vero simbolo è la “sapiente regalità” dei Re Magi che riconoscono e “offrono” la loro conoscenza alla più ampia e infinita nobiltà d’animo, nella verità, per la dignità e la salvezza di ogni persona, “incarnata” dal Gesù bambino. I Re Magi furono i primi pellegrini e il loro cammino fa guidato da un particolare allineamento degli astri (erano antichi astronomi: quindi saggi astrologi) collocati nei segni d’acqua simbolo di salvezza (Adorazione dei Magi, di Giotto, 1303-1305 circa e facente parte del ciclo della Cappella degli Scrovegni a Padova foto dell’affresco; fonte Internet). Sul tema della Cometa utilizzerei “molta prudenza” storico astronomica. Auguri a tutti.

Nel numero di gennaio 2020 la rivista Hotel Domani parla dei Siti UNESCO italiani.

Perugia, 2 gennaio 2020. Nel numero uno, del nuovo anno, la principale rivista italiana sul turismo “Hotel Domani” (qualità, marketing, tendenze e stile), diretta da Renato Andreoletti (Tecniche Nuove, Milano), pubblica un mio articolo (pagina 42) su brand made in Italy: il patrimonio mondiale UNESCO (candidarsi: come, quando e perché). È una riflessione su un tema strategico, quello della promozione delle eccellenze del patrimonio culturale, naturale e immateriale italiano, anche per l’economia turistica nazionale. Grazie al direttore Renato Andreoletti per la sempre qualificata e cortese attenzione.

Auguri per un Proficuo 2020.

Perugia, 01.01.2020. Non esiste un prima o un dopo. Anche i cambiamenti non avvengono mai, rapidamente, con l’arrivo di un nuovo anno. Esiste solo il lento evolvere del cammino, cercando di guardare ai piccoli segni del quotidiano che ci guidano verso il filo cosmico di energia. ‬Ampi auguri a tutti.

Tre centenari (500 anni) dalla morte di 3 artisti italiani.

Perugia, 29 dicembre 2019. L’anno volge al termine come le celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo. Nel 2020 si celebrano i 500 anni dalla scomparsa di Raffaello e nel 2023 i 500 anni dalla dipartita del Perugino. Tre centenari per tre valori legati alla meraviglia creativa italiana. Auspico che il nostro paese, e le correlate realtà regionali, sia pubbliche che private, attivino un “unico piano strategico” nazionale, armonizzino e raccordino il calendario delle iniziative, italiane e internazionali, che potranno essere significanti per la valorizzazione culturale e turistica nel mondo (foto, già pubblicate da Facebook).

Vinicio Capossela, con “ballate per uomini e bestie”, una raffinata opera culturale.

Perugia, 22 dicembre 2019. L’ultimo lavoro musicale di Vinicio Capossela “ballate per uomini e bestie” (Foto, la copertina) è una “rara opera culturale” di raffinata armonia fra parole, musica e narrazioni simboliche. Uno slancio di intelligenza creativa nel “silenzio cosmico”.‬ Un cantautore che, nella sua origine artistica, inizia il mirabile cammino proprio in Umbria anche grazie al compianto Sergio Piazzoli. Nel recente “magnifico concerto”, al teatro Morlacchi di Perugia, raffinatissime sono state le citazioni correlate anche alla musica Medievale (e la memoria alle collaborazioni con l’Ensemble Micrologus). Mi appare adeguato, nel tempo natalizio, citare il titolo di un “commovente brano”, di Vinicio Capossela, “ovunque proteggi” le cui parole sono una autentica poesia di speranza per ognuno. Grazie e auguri.

Volge al termine l’anno 2019 con Matera capitale europea della cultura.

Perugia, 21 dicembre 2019 (solstizio d’inverno). Volge al termine l’anno di Matera capitale europea della cultura 2019 (Sito patrimonio mondiale UNESCO dal 1993). Le parole di Carlo Levi (disegno, in basso nella foto, tratto da Pinterest) citano questo luogo quale “espressiva, toccante e dolente bellezza”. Da allora “nei Sassi” si è ricreata l’anima viva, culturale, ampia di attività anche socio turistiche, ma in armonia con i luoghi, spesso promosse da giovani imprenditori. Molte volte sono stato ospite a Matera, anche nel periodo della presidenza dell’associazione dei Siti UNESCO italiani e, con ampio piacere, inoltro espressioni di saluto, congratulazioni e auguri a tutti i “materani”.

Assemblea Generale del Comitato Italiano ICOMOS.

Roma, 15 dicembre 2019. Si è svolta, in giornata, l’assemblea generale del comitato italiano ICOMOS (consiglio internazionale dei monumenti e siti) di cui faccio parte. Aggrega i principali esperti nel settore dei beni culturali. ICOMOS sin dal 1972 svolge, per la Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO (agenzia delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura), valutazioni sui beni culturali e si esprime sulla eccezionalità del valore universale dei Siti UNESCO candidati come beni culturali.