Scandalo in Umbria del Nuovo Direttore Generale, Claudio Ricci: Segnalazione a Procura e Corte dei Conti.

Perugia, 20 Ottobre 2017. È il momento di reagire. Di fronte allo scempio. Di fronte all’arroganza di chi pensa che mai nessuno andrà a controllare.
Reagire di fronte a chi vorrebbe nominare un nuovo “direttore generale”, sopra la testa degli umbri che ogni giorno perdono i posti di lavoro (con la povertà al 12%), con addirittura un 10% in più di stipendio rispetto alle già altissime remunerazioni.
Tutto questo non per migliorare “efficacia, efficienza e diminuire gli sprechi” ma per “risolvere problemi di poltrone” fra correnti della maggioranza.
Tutto questo per nominare (ben oltre il quadro pubblicistico) un “nome” forse già deciso che pure la Piazza di Perugia e Google hanno imparato a memoria.
Questo non è accoglibile.
Questo non è etico.
Questo non è nella norma.
Per questo già una “nota informativa”, su quello che sta per avvenire, come anticipato nel Consiglio Regionale del 18 ottobre, è stata inviata alla Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica di Perugia a cui ci affidiamo e riponiamo la più assoluta fiducia (auspicando che “prevenire è meglio che curare”).
Noi ci opporremo, con ogni forza (e nei limiti consentiti), il 24 ottobre (prossimo Consiglio Regionale) ma è giunto il momento che le categorie socio economiche dell’Umbria e anche quelle etico culturali si oppongano, con incisività (senza remore o retro pensieri di buona relazione), a “questo scempio” all’Umbria.
Un’appello anche ai mezzi di comunicazione perché, se questo atto passerà indenne, la stessa libertà cambierà di significato (almeno in Umbria).
Mi consola solo il fatto che sarà “l’ultimo scempio” in quanto la fine di un “regime” arriva sempre, e in modo “improvviso”, anche in politica come in tutte le umane attività (anche se gli “attori”, di questa triste vicenda, si sentono, un po’, semi Dei in terra umbra).
Quando si pensa di non avete mai limiti è quello il momento dove si può compiere il “passo fatale”.
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).