Fly Volare Ottiene da SASE (Gestione Aeroporto dell’Umbria) 500.000 € Senza Avere le Autorizzazioni, Claudio Ricci: Chiesti i Documenti a ENAC (Controllo Aeroporti).

Perugia, 23 Ottobre 2017. Sulla vicenda SASE (gestione dell’aeroporto dell’Umbria) che ha anticipato 500.000 €, a Fly Volare, senza che la stessa compagnia avesse le due autorizzazioni necessarie occorre fare “chiarezza”.
Si sta parlando di “risorse pubbliche” (viste le fonti di finanziamento) e non di investimenti privati (peraltro nella SASE è presente Sviluppumbria partecipata, quasi totalmente, dalla Regione Umbria).
Non è chiaro quando, e se, Fly Volare otterrà le due autorizzazioni necessarie per svolgere i servizi.
Non è chiaro se, e in che modo, qualora Fly Volare non ottenesse le autorizzazioni si potranno recuperare, e in quali tempi, i 500.000 € già anticipati.
Nell’ambito dei “doveri di controllo” (attribuiti ai Consiglieri Regionali) oltre che la segnalazione alla Procura Regionale della Corte dei Conti, gli “accessi agli atti” doverosi, invierò, nei prossimi giorni, richiesta di informative e documenti “direttamente ad ENAC” (Ente Nazionale Aeroporti Civili), autorità massima di controllo, per avere “dalla fonte” chiare informazioni su una vicenda che denota una “gestione non opportuna” (voglio utilizzare parole eleganti).
Visto che nessuno “chiarisce”, nemmeno l’assessore con delega, è bene che parli il presidente della Regione su cui, alla fine, potrebbero “ricadere” molte delle responsabilità.
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).