Eliminando il Direttore Generale nella Regione Umbria si Potrebbero Creare 50 Nuovi Posti di Lavoro.

Perugia, 30 Ottobre 2017.
L’organigramma del personale, nella Regione Umbria, già include alcuni “direttori regionali” che, di fatto, svolgono funzioni “apicali” (massime), come previsto dal quadro normativo afferente alla Pubblica Amministrazione, nei differenti ambiti settoriali tematici.
Il nuovo “direttore generale” (con un +10% di emolumenti) dovrebbe anche coordinate i “direttori regionali” andando, però, ad interporsi fra gli “indirizzi di governo” e gli sessi “direttori regionali” allungando la “leva gestionale” e determinando una minore “efficienza”.
In una mozione (presentata in Consiglio Regionale) si chiede alla Giunta Regionale, con successiva proposizione all’Assemblea Legislativa, la modifica della specifica Legge Regionale per eliminare la figura del “direttore generale”.
Inoltre si domanda di finanziare, in 5 anni, con il relativo risparmio (almeno 1 milione €) azioni per defiscalizzare le attività con 20.000 € per ogni posto di lavoro creato (50 in totale).
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).