Sviluppo dell’Aeroporto dell’Umbria, Claudio Ricci: far Entrare nella SASE (Società di Gestione) i Privati al 40%.

Perugia, 8 Novembre 2017. Dopo gli ampi interventi di riqualificazione delle “infrastrutture di terra”, all’aeroporto dell’Umbria, c’è stato l’ottenimento, da parte di SASE (società di gestione), della “concessione ventennale” e del riconoscimento a scalo di “interesse nazionale”.
Al fine di ampliare gli investimenti, per sviluppare nuove linee aeree e servizi, occorre coinvolgere “componenti private”, anche compagnie Low Cost (basso costo), e/o Tour Operator, per implementare il “traffico commerciale” e l’attrattività turistica.
In una “interrogazione propositiva”, presentata in Consiglio Regionale, si chiede di conoscere se, fra gli intendimenti della Giunta Regionale, vi è quello, attraverso Sviluppumbria (società partecipata, in modo preminente, dalla Regione Umbria), presente nella SASE, di sollecitare l’ingresso di uno o più soci privati (quali, soprattutto, compagnie aeree Low Cost o Tour Operator), almeno sino al 40%, per ampliare linee aree, movimenti di passeggeri “commerciali” e attrattività turistica.
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).