In 150 alla Conferenza Stampa per il Consultivo di Metà Mandato in Consiglio Regionale Umbria: oltre 400 gli Atti Presentati.

Molti, in 150 durante tutta la mattinata, hanno partecipato alla conferenza stampa “aperta” di presentazione della attività svolte, da Claudio Ricci e dal movimento civico in Umbria, in Consiglio Regionale a metà mandato.
Ecco il testo del documento di sintesi diffuso.
Nel traguardare la metà della X^ Legislatura dell’Assemblea Legislativa dell’Umbria (Consiglio Regionale) mi appare molto doveroso “sintetizzare” i risultati di un lavoro svolto, nel quadro dell’opposizione, ma con una “incisiva proposizione” anche costruttiva.
Sono stati presentati a mia firma circa 400 atti, fra interrogazioni, mozioni e disegni di legge con una presenza in Consiglio Regionale e II^ Commissione (a cui sono stato assegnato) del 100% nonché assidua “partecipazione”, e proposizione con opportuni interventi, anche nelle altre Commissioni Consiliari, al fine di “traguardare tutte le aree tematiche”.
Tutte le proposte istituzionali (incluse nei 400 atti presentati), unitamente agli articoli stampa e relativi materiali anche video, sono diffuse, per doverosa “comunicazione istituzionale” (Legge n. 150 del 2000), su www.movimentocivicoitalia.it il Sito Internet afferente al Gruppo Regionale “Ricci Presidente” nel quadro del “movimento civico” in Umbria.
Sul piano della gestione delle risorse economiche, mensilmente assegnate al Gruppo Regionale, nella funzione svolta di Presidente del Gruppo, si è posta una “ampia attenzione” all’utilizzo oculato, e in linea con le Leggi e i Regolamenti, del quadro economico cercando di ottimizzare le spese con un risparmio (“fondo cassa”) di oltre 25.000 € (che rientreranno nelle disponibilità del Consiglio Regionale e, quindi, dei cittadini a conclusione dell’attività del Gruppo Regionale).
Al fine di approfondire le proposte (presentate con i 400 atti elaborati per l’Assemblea Legislativa), e attivare una fase partecipativa nel movimento civico rappresentato dal Gruppo “Ricci Presidente”, sono stati programmati e svolti 7 incontri – seminari tecnici sui temi: i valori della buona politica; le relazioni fra territori, economia e banche; l’industria innovativa 4.0 e le stampanti 3D; gli artigiani 2.0 fra tradizione e innovazione; i trasporti in Umbria e gli assi stradali verso le Marche; le tematiche legate al terremoto del 2016 e le correlazioni fra sisma e turismo in Umbria; la sanità vista dal paziente. Hanno partecipato, con presenze e rappresentanze da tutta l’Umbria, numerose persone con una media di 150/200 ad incontro (oltre 1200 in totale).
Nella prospettiva della seconda parte di Legislatura si profilano le nuove elezioni regionali previste per la primavera del 2020. Si intende, ma nei prossimi mesi verrà approfondito l’obiettivo, riproporre la lista civica “Ricci Presidente” a cui sarà affiancata una seconda lista civica “Italia Civica” (contenitore moderato, popolare e aggregante delle diverse proposizioni civiche/civili in Umbria). Verificheremo, nei prossimi mesi, la partecipazione alle politiche 2018.
Sul piano tematico, in linea con gli atti proposti in Consiglio, si cercherà una sintesi per l’Umbria, per gli anni 2020-2025, in 5 punti (operativi), tesi a: ricostruire, bene e velocemente, la Valnerina; sviluppare l’economia (dopo la crisi dobbiamo “recuperare” 15.000 posti di lavoro); ridurre sprechi, inefficienze e semplificare di più; sviluppare i trasporti con l’Aeroporto e l’Alta Velocità Ferroviaria; migliorare il quadro socio-sanitario (nei LEA Livelli Essenziali di Assistenza, in Sanità, l’Umbria è al 10^ posto) e sostenere le persone in difficoltà, sono il 12%. Nel 2020 si manterrà una coerenza civica coinvolgendo e “formando” i candidati, dai territori, puntando su “merito e credibilità”.
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).