Caso Fly Volare (dati da SASE Gestione Aeroporto 500.000 € per Servizi Mai Svolti), Claudio Ricci: Segnalazione a Procura della Repubblica e Corte dei Conti.

Perugia, 24 Novembre 2017. Caso Fly Volare (500.000 € anticipati da SASE, gestione aeroporto, a Fly Volare per servizi mai svolti e senza avere le autorizzazioni): presentata, oggi, una nuova interrogazione in Consiglio Regione dell’Umbria e inoltrata, oggi, segnalazione alla Procura Regionale della Corte dei Conti e alla Procura della Repubblica di Perugia (un atto dovuto, in linea con i ruoli di “controllo”, attribuiti ai Consiglieri Regionali).
Al momento del contratto era noto, a tutti, che Fly Volare non aveva le autorizzazioni per volare e, malgrado questo, vi è stata comunque l’erogazione (da parte di SASE) di 500.000 € a Blu Jet (in Roma) che poteva anche trasferire “tutte le attività e passività” a Fly Volare (100% Blu Jet) in Malta. Un labirinto.
Una società dentro l’altra!
Già al momento delle precedenti risposte, sia in Consiglio Regionale che in Commissione, esistevano atti che preludevano all’attuale situazione con evidente e “palese” tentativo di “diluire” le informazioni a tutti noi (le parole sarebbero altre).
La Procura della Repubblica e la Corte dei Conti faranno ciò che riterranno giusto (massima fiducia e rispetto). Invece sul piano politico le dimissioni dei responsabili di SASE, Sviluppumbria (dentro a SASE e partecipata dalla Regione) e l’Assessore regionale con delega sono “inevitabili”.
Auspico che Enti pubblici e soggetti privati, all’interno del quadro azionario di SASE, si attivino subito per “chiedete la verifica della situazione e prendere tutte le opportune azioni”.
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).