Applicare i Varchi (Blocca Traffico) e la Tassa di Soggiorno è come un Delitto Perfetto per Uccidere i Centri Storici.

Perugia, 2 Febbraio 2018. Se si vuole “uccidere” un centro storico, con un “delitto perfetto”, non c’è di meglio che applicare, insieme, i varchi (blocca traffico) con la tassa di soggiorno. Una “botta” ai residenti e commercianti e l’altra ai turisti.
Mi meraviglio che, con tutti gli esempi che esistono in Europa (e in Italia 22.000 centri storici), ancora si “perseveri” che, come recita il detto, è “diabolico”.
Nei centri storici bene i parcheggi, vicino alle mura perimetrali, e sistemi mobili (scale, ascensori e navette) per l’accesso ma occorre lasciare “molta flessibilità” viaria dentro le mura per quanto possibile (esistono tecnologie di monitoraggio e controllo molto sofisticate nonché auto elettriche anche solari) soprattutto per residenti e ospiti. Meglio una auto in più che un residente in meno. Capito?
La tassa di soggiorno è marketing negativo allo “stato puro” e provoca (come le “malattie”, in particolare nei centri storici piccoli) meno turisti, meno spesa nei negozi e incide facendo diminuire un posto di lavoro per struttura ricettiva media. Chi è stato “costretto” ad applicarla (per ragioni economiche) poi ha, subito, provato a toglierla appena possibile.
Timidi segnali di protesta, in questi giorni, dalle categorie turistico commerciali (anche in Umbria) che, a mio avviso, debbono “andare sulle barricate” per farsi sentire bene e forte. A tutti i costi.
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).