Proponevamo l’Alta Velocità Ferroviaria in Umbria, già dell’Agosto 2015, Claudio Ricci: dopo Perugia, siano Coinvolte Terni, Spoleto, Foligno, Assisi e Orvieto.

Perugia, 14 Febbraio 2018. Non ero a “farmi fotografare” al primo viaggio del Freccia Rossa (per scelta privilegio la sostanza più che l’apparenza). Ho comunque apprezzato che la Giunta Regionale e il Consiglio, dopo due anni, abbiano accolto la nostra proposta (fui relatore di molte mozioni e interrogazioni) per attivare il servizio ad alta velocità Perugia – Milano. Ora bisogna pensare a Terni, Spoleto, Foligno e Assisi.
Senza dimenticare Orvieto dove serve qualche fermata in più dei convoglio ferroviari che già transitano.
Solo così sarà un vero servizio attrattivo, sul piano economico e turistico, per tutta la Regione Umbria.
Spero che gli “attenti giornalisti” (anche televisivi), che molto apprezzo per il loro encomiabile e professionale lavoro, possano citare (come da articoli riportati) coloro che fecero la prima proposta già nell’agosto 2015 (in piena estate).
Certamente per recuperare il ritardo dell’Umbria, nei sistemi ferroviari, bisognerà completare il raddoppio della Spoleto – Terni, realizzare il raddoppio selettivo (in alcuni tratti) della Foligno – Terontola e costruire la stazione (a media alta velocità ferroviaria) all’aeroporto internazionale dell’Umbria.
Per quest’ultimo progetto bisognerebbe proporre un concorso per idee al fine di acquisire progetti sia da architetti italiani che internazionali. Spero che taluni accolgano questa proposta magari citando i proponenti dell’idea. Anche se, alla fine (nello spirito francescano) “le idee sono di chi le condivide”.
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).