Progetto di Prevenzione dal “Bullismo Omofobico” con un Questionario nelle Scuole Problematico, con Paeudo Prosetilismo, senza Consenso delle Famiglie. Claudio Ricci: Interrogo il Consiglio dell’Umbria per Avere Urgenti Chiarimenti.

Perugia, 4 Dicembre 2018. Alcune associazioni, fra cui il comitato “difendiamo i nostri figli” (Family Day), hanno segnalato che in alcune scuole dell’Umbria, nel prossimo periodo, sarà “somministrato” un questionario afferente al progetto di prevenzione dal “bullismo omofobico”.
Si profilano, con i quesiti previsti, potenziali “leve invasive” della libertà educativa, spettante alle famiglie, su temi molto delicati, come l’orientamento sessuale, inducendo un implicito messaggio di “approvazione acritica della fluidità sessuale” (pseudo proselitismo omosessuale).
Con una “interrogazione propositiva a risposta immediata” (presentata in Consiglio Regionale) si chiede lo stato ricognitivo del progetto di prevenzione sul “bullismo omofobico”, e i costi complessivi sostenuti dalla Regione Umbria, nonché se il questionario somministrato risponde alla nota dal MIUR Ministero Istruzione Università e Ricerca (n. 19534 del 20.11.2018) sull’importanza sostanziale di ottenere un “consenso dai genitori”.
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).