Alta Velocità Ferroviaria in Umbria (Proposta dal 2015). Confermato il Fraccia Bianca a Spoleto. Successo per il Perugia – Milano. Claudio Ricci: Bene, l’Assessore in Commissione Impegnato per il Freccia Rossa a Terni, Spoleto, Foligno, Assisi e Perugia.

Perugia, 6 Dicembre 2018.
Abbiamo inoltrato, come movimento civico, molte proposte, sin dal luglio 2015, per potenziare, in Umbria, i servizi a “media e alta velocità ferroviaria”. L’Assessore regionale con delega, durante l’audizione in Commissione controllo, ha confermato che il “Freccia Bianca fermerà a Spoleto” (senza oneri aggiuntivi per la Regione) e le prenotazioni sono già disponibili anche nei Siti Internet specifici. Inoltre, dopo dieci mesi di sperimentazione, la tratta (con il treno Freccia Rossa) Perugia-Milano-Torino ha ottenuto un “successo passeggeri” triplo rispetto al minimo atteso. Bene.
Ora il prossimo passo, e su questo sono confermate le “correlazioni” fra Trenitalia e Regione Umbria, per un servizio alta velocità (verso Milano e Torino) che si attivi da Terni e con fermate a Spoleto, Foligno, Assisi e Perugia. Come da noi “già ricordato” la fermata ad Orte è ritenuta (da ambienti tecnici, di Trenitalia, citati in Commissione) complessa (per noi è inopportuno, sul piano strategico, scegliere Orte anziché Terni).
Il Freccia Rossa deve “fermare a Terni” (città di 115.000 residenti e prossima a Narni con ampio bacino socio economico e culturale turistico). Inoltre bisogna sollecitare il Governo affinché consideri la fermata del Freccia Rossa a Spoleto (nodo del cratere dopo il sisma del 2016) una “misura compensativa”, dei danni economici prodotti dal sisma, e strumento utile per il PSV Piano di Sviluppo della Valnerina (previsto del testo unico sul sisma della Regione Umbria).
Claudio Ricci
(Consigliere Regionale).