5 milioni di italiani in vacanza a settembre. Nel 2021 la metà dei turisti totali del 2019.

25 settembre 2021. Oltre 5 milioni di italiani stanno andando in vacanza a settembre. Questa l’analisi svolta da Federalberghi con ACS Marketing Solutions. Pochi, dopo il Covid-19, i viaggiatori internazionali con gli italiani che hanno preferito località all’aria aperta: mare, montagna, lago e terme. Rispetto ad un “anno normale”, fino al 2019, siamo alla “metà di turisti” in termini di presenze (fra italiani e stranieri avremo, a settembre, 8 milioni di turisti). Per agevolare il ritorno dei turisti stranieri bisogna aprire le porte dell’Italia a tutti coloro che hanno una certificazione come il Green Pass. L’osservatorio di Federalberghi ha rilevato, fino a luglio 2021, un calo delle presenze del 51% rispetto al 2019 (-28% di italiani e -71% di stranieri, circa). Nella fotografia la copertina di “Turismo d’Italia” (giugno 2021), storica e pregevole rivista di Federalbeghi (www.federalberghi.it).

Ad Assisi si riflette sui Migranti nel mondo. Molti arrivano con il permesso per turismo.

21 settembre 2021. Nella recente edizione del “Cortile di Francesco” (www.cortiledifrancesco.it), dedicato al tema della speranza (Assisi, 17-19 settembre), nella sessione sui Migranti, Gian Carlo Perego (Arcivescovo di Ferrara e Comacchio) e Angelo Chiorazzo (Fondatore Cooperativa AUXILIUM) hanno ricordato che 270 milioni di persone sono “in cammino” (migratorio) nel mondo: 80 milioni sono giunti alla meta come “rifugiati” di cui il 25% per calamità e crisi economiche. Molti arrivano col “permesso turistico” e poi rimangono (le “badanti” in Italia sono ben oltre un milione). Dal 2015 in Italia sono arrivati un milione di migranti ma “solo” il 15% si é “fermato” (molti sono, quindi, solo in transito). Dopo 30 anni, dall’avvio del fenomeno, il tema deve diventare “strutturale” (vista la carenza di lavoratori in “attività operative”); invece il 95% delle risorse si utilizzano per accoglienza e sicurezza mentre solo il 5% per l’inclusione (foto, archivio Claudio Ricci).  

Sostenibilità ambientale: incide sul 50% delle scelte fatte dai turisti giovani.

16 settembre 2021. Turismo e sostenibilità ambientale, il legame diviene “più virtuoso”. Negli attuali ventenni e sino a 45-55 anni, secondo recenti indagini (anche di www.booking.com), quasi il 50% degli italiani sceglie la meta turistica e l’albergo “tenendo in considerazione” aspetti su tutela e qualità dell’ambiente, quantità di spazi verdi disponibili anche ai fini della sicurezza (per il distanziamento fra le persone). Per questi aspetti, se assicurati dalle località e dalle strutture ricettive, oltre il 40% dei potenziali clienti é disponibile a spendere il 10-20% in più. Sono dati che, seppur tendenziali (e da valutare con prudenza), fanno emergente una “elevata sensibilità” all’ambiente, al valore del piccolo albergo negli itinerari minori con qualità autentica ed emozioni vere e poco costruite (foto da www.teleambiente.it).         

“Finestre sulla bellezza”, un libro sul viaggio e l’accoglienza turistica.

11 settembre 2021. A fine mese, per Morlacchi Editore in Perugia, é prevista l’uscita del libro “Finestre sulla bellezza” (Viaggio e accoglienza turistica nel paesaggio italiano) di Claudio Ricci. Il lavoro include 100 “finestre” letterarie, che si aprono sulla meraviglia della bellezza italiana, per delineare i valori del viaggio e dell’accoglienza turistica ispirati a modelli più umanistici e sostenibili. Nella seconda parte il libro approfondisce 8 temi fra cui i significati dei 50 anni (nel 2022) dalla “nascita” della Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO (l’Italia é al primo posto, al mondo, con 58 Siti UNESCO). Sono anche riportate, in conclusione, 17 immagini per viaggiare attraverso i simboli della bellezza. Il lavoro cerca di aprirsi al lettore per ampliare la consapevolezza, di tutti noi, sul valore dei beni culturali e naturali italiani e di come valorizzare l’accoglienza turistica nelle attività e località italiane (nella foto la copertina del libro: Pienza, e il paesaggio da Palazzo Piccolomini, ritratto da A. Tiso – I. Piccioni).           

Il turismo cresce del 20%, nei mesi di luglio-agosto, ma ancora siamo lontani dal 2019.

26 agosto 2021. Turismo in crescita, del 20% rispetto al 2020, ma nei soli mesi di luglio-agosto (soprattutto con gli italiani in Italia). La spesa é diminuita del 2% circa. Più turismo in estate ma siamo lontani dal 2019 (anno prima del Coronavirus con 436 milioni di pernottamenti in Italia). Questi alcuni dati citati ieri, da Sky tg24. Un settore che valore il 13% del PIL Prodotto Interno Lordo (occupa 4.2 milioni di persone) e porrebbe crescere, secondo il Ministero del Turismo, sino al 20% del PIL. In estate bene mare, montagna, turismo extralberghiero, piccoli luoghi ed itinerari minori (gli ospiti cercano spazi ampi come fossero “isole sicure” e, 1 su 3, si é spostato nella propria regione). Più complessa la situazione nelle città d’arte. L’immagine italiana nel mondo é ottima e, per richieste informative, siamo “primi in Europa”. Gli investitori esteri guardano con attenzione anche ai piccoli alberghi (boutique hotel). Nel PNRR (Piano Nazionale Ripresa e Resilienza), e con risorse europee, ben 5 Miliardi € saranno destinati al turismo per migliorare ospitalità e servizi (114 milioni saranno destinati anche per un “hub nazionale” al fine di commercializzare, anche con Internet, i nostri prodotti e, speriamo, creare un osservatorio nazionale evoluto). Fra le tendenze, nel medio periodo, il turismo di lusso da Cina, Russia, Regno Unito (foto www.adhocnews.it).                

Il “turismo spaziale” muove i “primi passi” nel 2021, ma per ora é per pochi “eletti”.

25 agosto 2021. Nella storia il 2021 sarà ricordato per l’avvio del “turismo spaziale”, con ben “due missioni sperimentali” (a nove giorni di distanza fra loro). É oggi una possibilità per pochi, considerando il costo del “futuro biglietto” (circa 500.000 dollari), ma le attività, come quelle di Branson e Bezos, sono il “primo passo” verso “nuovi servizi aerei” che, in pochi anni, renderanno i voli suborbitali “più comuni e accessibili”. Il sogno del “turismo spaziale” é antico ma si concretizza, come ipotesi, con il film “2001 odissea nello spazio”, che esce nelle sale cinematografiche nel 1968, prodotto e diretto da Stanley Kubrick, scritto assieme ad Arthur C. Clarke autore del romanzo omonimo. Il “turismo spaziale”, nel 2021, si é correlato con il rapporto, del Governo degli Stati Uniti d’America, sugli UAP (fenomeni aerei non identificati) detti UFO. Sul piano socio-filosofico c’è chi vuole viaggiare, non solo con la fantasia, oltre la terra e chi, invece, in questa terra ci verrebbe da altri mondi. Paradossi nel tempo del Coronavirus e delle crisi, ambientali e geopolitiche, che ci chiamano a temi ben più urgenti, per questo mondo (foto da www.evolutiontravel.eu).     

Salone del turismo dedicato al Patrimonio Mondiale: l’edizione 2021 sarà a Padova.

25 agosto 2021. Si volgerà a Padova (nel prestigioso Palazzo della Ragione), dal 23 al 25 settembre 2021, la dodicesima edizione del WTE (World Tourism Event), il salone del turismo dedicato ai luoghi del Patrimonio Mondiale. Un ampio spazio espositivo, un interessante programma culturale e la possibilità, da parte dei responsabili dei Siti Patrimonio Mondiale, di incontrare Agenzie di Viaggio e Tour Operator, italiani e stranieri, caratterizzano un “modello di fiera” orami consolidato. Peraltro si é rivelata giusta la “formula itinerante” che vede il WTE spostarsi come sede, anno dopo anno, nei Siti disponibili ad ospitare l’iniziativa. Fin dalla prima edizione (Assisi, 2010) l’obiettivo era la promozione, in queste “punte di eccellenza del patrimonio italiano” (siamo primi, al mondo, con 58 Siti Patrimonio Mondiale UNESCO), di un “turismo armonico e sostenibile” per vivere esperienze autentiche. Dopo il Coronavirus tali obiettivi (ora gli ospiti cercano mete come fossero “isole felici e sicure”) sono ancora più attuali. Citiamo, per l’ampio e molto professionale impegno, il promotore Marco Citerbo (con Cristiano Marzolesi) nonché l’Associazione dei Beni Italiani Patrimonio Mondiale che, fin dalla prima edizione, bene supporta il World Tourism Event (fotografia, del manifesto, tratta dal sito Internet www.wtevent.it).       

                

Francobolli per il rilancio del turismo: interessante emissione filatelica per sei città.

24 agosto 2021. I francobolli nel turismo sono, anche nel tempo della multimedialità, un veicolo importante di promozione. Come ogni piccolo oggetto, particolare, anche i francobolli sollecitano il passa parola fisico e su Internet. Nel giugno scorso Poste Italiane e il Ministero dello Sviluppo Economico (da cui é tratta la fotografia) hanno emesso sei francobolli, della serie “il patrimonio naturale e paesaggistico”, dedicati a Roma, Milano, Firenze, Venezia, Napoli e Palermo. Ciascuna “vignetta” riproduce una veduta delle città e sono stati stampati (Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato) due milioni e settanta mila francobolli. Il titolo dei francobolli é “l’Italia riparte” con l’auspico di un nuovo sviluppo turistico, di qualità, dopo il Coronavirus. Sulla tematica dei francobolli fu interessante, nel 2013 e anni successivi, l’emissione della Repubblica di San Marino dedicata ai “Patrimoni dell’Umanità (Siti UNESCO), Viaggio in Italia”. Furono stampati alcuni foglietti con quattro francobolli, ciascuno dedicato ad una Sito UNESCO, indicando anche gli itinerari per i possibili viaggi attraverso i luoghi del Patrimonio Mondiale italiani.                 

Turismo di massa e usura dal mondo: un libro per riflettere sull’evoluzione turistica.

23 agosto 2021. Turismo di massa e usura del mondo, é il titolo del libro, di ampio interesse, di Rodolphe Christin (eléuthera, Milano 2019). La pubblicazione fa emergere, poco prima del Coronavirus, aspetti che, dopo questa fase socio sanitaria, diventano nodali per ripensare il turismo. Si legge nelle introduzioni che: “si é passati dall’uso del mondo all’usura del mondo, ove la massificazione industriale ha celato la dimensione simbolica del viaggio standardizzando i desideri e non sempre in armonia con ambiente”. Paolo Cognetti, nella postfazione, cita che: “é ancora possibile dirci viaggiatori? Il mercato globale ci ha trasformati in turisti omologati di una industria che vende la bellezza del mondo”. In questa prospettiva, e per un turismo più lento, umanistico e sostenibile, é opportuno citare la Fondazione IRIS e il Centro del Patrimonio Mondiale che hanno definito un prontuario (su www.unesco.it, sito della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, si possono trovare ampie informazioni) composto da dieci guide pratiche per i gestori dei Siti del Patrimonio Mondiale (può essere un modello utile, di riferimento, anche per le mete turistiche in generale) per l’adozione di “misure efficaci per favorire un turismo sostenibile”.    

Ferragosto 2021: il 50% degli italiani lo trascorrerà “fuori casa”.

13 agosto 2021. Almeno il 50% degli italiani, secondo un’indagine di Coldiretti-Ixé, trascorrerà il giorno di Ferragosto “fuori casa” mettendosi in viaggio per “raggiungere amici e parenti” o “andare in vacanza”. Il mare rimane la meta preferita ma, la ricerca di spazi ampi e sicuri (nel tempo del Coronavirus), fa crescere la domanda turistica nelle località di “montagna e nei piccoli borghi”. Il 28% delle persone considera lo “stare a casa per riposare” il modo migliore per passare il giorno di Ferragosto. Sui dati delle presenze turistiche (pernottamenti) in ampio aumento nell’agosto 2021, rispetto al 2020, é dovuto soprattutto alla “maggiore concentrazione turistica” viste le incertezze, nelle settimane precedenti, afferenti alle regole per poter viaggiare in piena sicurezza. Rimane, sullo sfondo, una grande difficoltà del settore turistico che potrà ritornare (probabilmente) ai risultati del 2019 non prima del 2023/24 (Foto, il borgo di Ischia Ponte, da www.skyscanner.it).