Confcommercio, turismo in Italia: meno 27% di pernottamenti, nel 2021, rispetto al 2019.

27 dicembre 2021. La Confcommercio stima una diminuzione del turismo in Italia, nel 2021 rispetto al 2019 (ultimo anno senza Coronavirus), di 120 milioni di presenze (pernottamenti), pari ad almeno  il meno 27%. Un dato “preoccupante” per un settore fra i più colpiti dalla Pandemia e in relazione alle “incertezze” che ancora perdurano causando la “cancellazione di 5 milioni di viaggi”, fra Natale e l’Epifania, mentre ben 7 milioni di viaggi “restano in sospeso” in attesa di maggiori certezze. Secondo l’indagine 6 intervistati su 10, in questo periodo di Natale, rimarranno “fuori casa” al massimo 2 giorni ma “senza uscire dalla propria Regione”. Solo il 5% si é recato all’estero. Anche in prospettiva, primavera estate 2022, il settore necessita di sostegni per tutelare la “continuità aziendale”, delle attività turistiche, evitando (come si sta verificando) un eccesso di offerta (nelle compra vendite e nei passaggi di gestione) di immobili e attività turistiche con una conseguente riduzione dei valori immobiliari e aziendali (foto tratta dal sito www.confcommercio.it).