La Lista UNESCO compie 50 anni: l’Italia prima con 58 Siti, il primo fu la Valle Camonica.

17 gennaio 2022. La Convezione dell’UNESCO, da cui si origina la Lista del Patrimonio Mondiale, compirà 50 anni il prossimo 16 novembre (1972-2022). I primi Siti UNESCO furono iscritti nel 1978, ora sono 1154 e gli Stati che hanno “ratificato” la Convezione 194. L’Italia acclude il maggior numero di Siti UNESCO al mondo, ben 58. Segue la Cina con 56 e la Germania con 51. Il primo Sito UNESCO iscritto in Italia fu “L’arte rupestre della Valle Camonica”. Situata nell’area montuosa della Lombardia, nella zona c’è una delle più grandi quantità, al mondo, di petroglifi (incisioni sulla roccia) preistorici; più di 140.000 (nel corso degli anni ne sono stati ritrovati circa 300.000) simboli e figure scolpite nella roccia in un periodo di oltre 8.000 anni. Trovati su entrambi i lati di un’intera vallata, i petroglifi raffigurano temi legati all’agricoltura, alla caccia del Cervo, ai duelli e a figure geometrico-simboliche (fra cui la “Rosa Camuna” che, dal 1975, ha ispirato lo stemma della Regione Lombardia) alcune delle quali ancora con una misteriosa interpretazione (Come per i noti “Astronauti Camuni” che ritraggono due guerrieri con, sul capo, un “casco” che sembra spaziale). Nella fotografia riportiamo il francobollo, emesso da Poste Italiane nel 2009, dedicato alla Valle Camonica.