Il paesaggio vitivinicolo del Verdicchio si candida a Patrimonio Mondiale UNESCO.

6 maggio 2022. Il paesaggio vitivinicolo, del Verdicchio di Matelica nella sinclinale camerte, sta iniziando i primi passi verso la candidatura a Patrimonio Mondiale UNESCO. La proposta, del “Centro Studi Luglio 1967”, condivisa dal Club UNESCO di Tolentino e delle Terre Maceratesi, si estende in un territorio di otto comuni: Camerino, Castelraimondo, Pioraco, Cagliole, Matelica, Esanatoglia, Cerreto D’Esi e Fabriano. Nella sinclinale, con caratteristiche geologiche “uniche”, la storia parla di vini: dai vinaccioli nelle tombe picene, al Verdicchio citato in atti medievali sino al famoso metodo Scacchi e all’attuale riscoperta della viticoltura. Emergono, nel paesaggio culturale anche costituito da boschi scoscesi e versanti ripidi, elementi di autenticità e integrità con un valore eccezionale. Il Verdicchio, con un gusto che deriva del clima particolare, é a “produzione limitata” con un “valore esclusivo”. Attualmente, nel mondo, vi sono 1737 Siti UNESCO candidati di cui 31 in Italia. Per il Sito del paesaggio del Verdiccio il “primo impegno” é quello di aumentare la consapevolezza diffusa sui valori locali da candidare (fotografia da www.cronachemaceratesi.it).