Il “turismo lento”: un’esperienza, in grande aumento, svolta dal 24% degli italiani.

28 luglio 2022. Il paesaggio italiano, con i tanti piccoli luoghi “cesellati” nel territorio, induce al senso antico del viaggio lento, per ridare tempo al tempo e vivere esperienze interiori. Una tendenza in crescita, vissuta dal 24% degli italiani, con il turismo nei piccoli borghi, l’escursionismo naturalistico e l’enogastronomia. Ben il 43% dei viaggiatori é interessato, in futuro, a questa offerta (fonte Ministero del Turismo). Fra i nati dopo il 1981 (la metà dei turisti italiani) il 94% è sensibile ai viaggi sostenibili e il 40% sceglie “destinazioni poco note (e affollate) per riscoprire autenticità e senso di appartenenza”. Oltre alla via Francigena esiste una rete dei cammini, legati al turismo lento, di oltre 6.600 km. Il cicloturismo è un ulteriore settore in espansione (pensando alle colonnine di ricarica per bici elettriche) e al momento genera, in Italia, un volume economico di 5 Miliardi di Euro, rispetto ai 20 della Germania e ai 40 dell’Unione Europea (fotografia tratta dal sito www.siviaggia.it).